PERCHE’? AIUTATECI A CAPIRE…

A volte, come avete potuto notare, ci capita di fare riflessioni stimolanti sui meccanismi paradossali che innescano la vita di provincia

questo pomeriggio ci trovavamo a inanellare una serie di “Perchè?”

Perchè in ormai ogni città che possa definirsi tale la gente che va ai concerti accetta di pagare senza battere ciglio un biglietto di cinque, otto, dieci euro e da Ithaca, per tre euro, persone che normalmente ne spendono venti in birra all’inizio della serata (e spesso non da noi) si strappano le vesti sulla soglia come se gli avessimo insultato la madre?

Perchè si trova giusto pagare (quote peraltro simboliche!) per il teatro e non si trova giusto pagare (quote meno che simboliche) per la musica, come se il musicista non fosse un artista o non presentasse uno spettacolo degno di rispetto e frutto di fatica?

Perchè alcuni non capiscono che se il locale è pieno ma consumano in dieci un succo di frutta (e ci mancherebbe che ognuno non fosse libero di consumare ciò che crede o anche di non consumare affatto!) noi alla fine dobbiamo comunque pagare l’artista, la luce, l’elettricità e la siae e andiamo sotto?

Perchè alcuni non si rendono conto che non siamo esattamente il Billionaire (e io direi anche meno male!) e che in qualche modo dobbiamo sopravvivere, se vogliamo continuare a dare spazio agli artisti e alla cultura in un posto dove, se non fosse per cinque o sei locali pieni di buona volontà, prevarrebbe la logica dell’aperitivo nei santuari della Frosinone “da bere” e delle discoteche che ospitano i tronisti, Fabrizio Corona & co.?

Perchè alcuni trovano eccessivo il prezzo della tessera Enal, obbligatoria perchè siamo per statuto un’associazione culturale, che costa tre euro e dura un anno intero?

Siamo aperti alle vostre considerazioni

Share

Vivo in una città morta!!!!… Perché?

siamo stanchi.. veramente stanchi di sentire solo le omelie e le messe funebri per il centro storico di Frosinone.. i giornalisti locali o i nazionali (nelle sezioni dedicate alla città) non parlano d’altro che di negozi chiusi e di un centro abbandonato a se stesso. Ora: non che questo sia falso; anzi!!! però se pretendiamo di dare la notizia ci si deve anche preoccupare di darla completa, ammesso che la “notizia” che il Centro storico sia morto, sia ancora da considerare tale…

perchè il naso delle penne inchiostrate non annusa tutto quello che sta accadendo alla parte alta di Frosinone? perchè non si dice che ci sono dei locali che cercano DISPERATAMENTE  – con sforzi sovrumani – (la crisi, poi, ci ha messo il suo bel carico da 90) di riportare qualcuno “sù”… addirittura di far conoscere ad ancora troppi frusinati la parte alta delle loro città?
suscita meraviglia sapere che ci sono persone che non conoscono nulla (o quasi) di Frosinone alta : perchè non prendete l’ascensore inclinato ( tanto osannato ed atteso) e vi addentrate per i vicoli storici di Frosinone? non è vero che non c’è nulla!!! ve lo possiamo garantire ..c’è storia, ci sono i ricordi, c’è da pensare, da divertirsi, da ascoltare musica, da chiaccherare e da vedere… è forse poco?

perchè la sera non passeggiate – ora che il tempo lo consente- per le vie del centro?…. se passate davanti a noi il week end potrete ascoltare la nostra offerta musicale sempre molto variegata ; così come se passate davanti all’arco Campagiorni con i locali (glie Cannarile,Life, Sotto l’Arco) che la popolano gli stimoli non mancano di certo…

Nel cuore storico – come mi piace chiamarlo – potete portare la vostra ragazza, il vostro ragazzo, vostra moglie o vostro marito a fare anche “solo” una passeggiata e sorseggiare o mangiare qualcosa in una tipica trattoria ciociara o in piccoli nuovi ristorantini..

Se portate i vostri bimbi, li potrete accompagnare magari a visitare il Museo archeologico che si trova proprio quassù!

insomma… bisogna per forza andare a Roma o addirittura uscire dal Lazio per cercare qualcosa che anche quì – con un pò più di attenzione – si può trovare?… ci sono due librerie (la nostra ithaca e La libreria Incontri) aperte durante il giorno (incontri) e noi la sera..

il movimento e i cambiamenti ce li dobbiamo – in tempi di sempre maggior latitanza politica – intanto creare da soli.

Invece di continuare a piangersi addosso, a lamentarsi, forse è il caso di cominciare a costruire qualcosa partendo dall’esistente… noi siamo una realtà piccola.. ithaca è una bambina (entusiasta, forse anche un pò ingenua) che ancora pensa e spera di poter fare qualcosa e qualcosa, nel sup piccolo, la sta facendo… stiamo inondando di musica le vecchie vie .. stiamo riempiendo l’aria  della sera con il chiacchericcio vivo dei ragazzi…ci fermiamo a parlare della città che vorremmo, degli interrogativi sul futuro e di cazzate divertenti nella vicina p.zza san orsmisda, facciamo ogni tanto escursioni a sorpresa per le vie del Centro portando i nostri musicisti o i ragazzi dei Laboratori di scrittura creativa… siamo ricominciando a vivere di centro storico!!

Risponde sicuramente al vero che ci siano delle enormi reponsabilità a livello istituzionale ma ammettiamolo… ci sono anche a livello sociale…. in attesa che qualche personalità si muova non dobbiamo demordere, dire “non tocca a me ma al Comune”! Ripetiamolo!!!!! è sacrosanto che gli organi istituzioanli facciano la loro ma noi non entriamo nel circolo vizioso di trovarci una scusa per non fare nulla!!!

schiodiamo pure noi il sedere dalla sedia del comodissimo e virtualissimo modo di vivere alla facebook; eliminiamo la pigrizia dei luoghi comuni che al centro storico non ci sia parcheggio… suvvia…! facciamo kilometri a piedi per andare a visitare l’ennesimo Centro commercilae che apre.. facciamo maratone folli sui tapis roulant delle palestre e poi vogliamo parcheggiare addirittura dentro il negozio o il ristorante di turno…. nelle ore serali non è così complicato trovare un posto per le nostre adorate auto e, al massimo che ci può capitare, ci toccherà camminare un pò….

torniamo o iniziamo a partecipare.. le occasioni per venire quassù non sono poche… iniziamo a dire la nostra e ripopolare le strade che molti vorrebbero rimanessero fantasmi; e smettiamo pure noi “commercianti” di vedere il nemico negli altri esercenti… smettiamola col solito refrain di denigrarci e di farci concorrenza. Mandando i nostri concittadini più volentieri fuori città per non “rischiare” che possa trovare l’oggetto simile venduto da un altro locale….

ma quale razza di concorrenza si può fare in un posto che piange disperato la mancanza di cultura?

e allora le urgenze ci sono e non sono solo quelle di rifare le facciate o i tombini o l’asfalto – opere spesso usate dal politicante di turno per farsi propaganda elettorale- .. le urgenze sono quelle di rimettersi insieme, di incontarsi , di creare un gruppo variegato, differente, contaminato ma unito daòla voglia di costruire e non distruggere…. ma non davanti a un computer… occorre vedersi dal vivo, parlarsi, incazzarsi.. e provare a ricamminare per poi sperare di correre!!!!

Share

Fammi bere che mi sto spegnendo

domenica 31 ottobre 2010_ore 21.30
spettacolo teatrale con Francesca Romana Miceli Picardi e Nicole Sartirani

in occasione della Giornata Regionale della Lettura

ingresso libero, fino ad esaurimento dei posti disponibili

Fammi bere che mi sto spegnendo.
Tutti sanno chi è Charles Bukowski.
Tutti hanno letto qualche riga per il gusto di sentirsi più vicini alla terra, al fango, al senso di squallore della nostra vita quotidiana.
Esercizi di malcontento comune.
Esercizi di sbronze da fine settimana, per sentirsi liberi.
Presenti.
Vivi.

La differenza tra noi e Chinaski è che noi abbiamo bisogno di leggere lui.
Lui leggeva la gente, nonostante l’odiasse.

Le sue dita avvelenate di inchiostro simpatico, sono canzoni stonate.
Meridiano di bellezze storpie, scommettitore incallito.

Bukowski è quello che non riusciremmo a dire in mille anni di vita.
E’ la finta vergogna borghese dietro la quale ci nascondiamo: per paura, solo per paura.
Bukowski sono le parole di cui ognuno di noi ha bisogno.

Portarlo in teatro è una scommessa.
Come piaceva a lui.

Share

VENERDI’ 8 OTTOBRE Presentazione di SPINOZA: UN LIBRO SERISSIMO

VENERDI’ 8 OTTOBRE Presentazione di SPINOZA: UN LIBRO SERISSIMO e, a seguire, concerto Live con a tema ”le canzoni di protesta”

Tutto inizia da un blog collettivo che si accanisce con ferocissima intelligenza su tutto quello che si muove nella politica, nella società, nel costume. In breve “Spinoza” diventa il blog satirico più seguito della rete, gli utenti si rimpallano i suoi aforismi e fanno a gara a citare le più folgoranti tra le battute al vetriolo di una legione di acutissimi cervelli pensanti in una società che il potere vorrebbe piena di mirco…cefali.

La rete non si censura, la rete non si può far tacere, la rete è spesso la voce che i media più tradizionali soffocano ed ecco che presto Spinoza, con la sua cerchia sempre più estesa di seguaci, si fa notare. Proprio qualche giorno fa, all’indomani della morte di Cossiga e in un clima “istituzionale” di assoluta celebrazione della sua figura post mortem, il TG3 ha parlato dell’ultima lapidaria presa di posizione di Spinoza al riguardo: “Morto Cossiga, aveva 62 anni più di Giorgiana Masi”.

Vibrante, sincero, definitivo, Spinoza dice quello che molti altri non dicono e alla fine diventa UN LIBRO.

Un libro con prefazione di Marco Travaglio. Una raccolta serissima di satira fulminante, scorretta e irriverente, frutto dei contributi di oltre seicento navigatori. Più di duemila battute su politica, cronaca e attualità, in gran parte inedite!
UN LIBRO CHE NOI VI PRESENTIAMO L’8 OTTOBRE, invitandovi a presenziare sia per la bellezza assoluta del testo che per il valore intrinseco che questo appuntamento dovrebbe avere per chi ritiene ancora l’indipendenza e l’onestà intellettuale valori assoluti per la nostra società e per il nostro martoriato Paese.

SPECIAL GUEST STAR: LUCIA REHAB
(PRESENTATRICE E MODERATRICE DELLA SERATA)
==========================================
ORE 20.30 BUFFET FREDDO CON GLI SPINOZIANI E … A SEGUIRE CONCERTONE LIVE DEI CLOUD 9 CON A TEMA ” lE CANZONI DI PROTESTA”

Share

ITHACA PRESENTA. I VIAGGI DI ULISSE

VENERDI’ 24 SETTEMBRE : “EDEN”, DI ALESSANDRO CORTESE

Venerdì 24 settembre lo scrittore ALESSANDRO CORTESE presenterà ad Ithaca il suo “EDEN”, libro audace e seducente che mette in scena l’eterna lotta tra il bene e il male reinterpretando la creazione con l’ausilio di elementi di thriller, epica, noir francese e romanzo religioso e che spiazza fin dal principio per l’originale punto di vista da cui procede la narrazione: quello degli angeli.

Provocazioni intellettuali, altissima tensione etica e un Lucifero assolutamente umano e moderno nel tentativo di fare luce sull’interrogativo primo e ultimo della genesi e della nostra storia umana: cosa sia la libertà.

Venite a farvi un giro negli insidiosi giardini dell’Eden, dove ciò che sembra squisito può spalancare voragini spaventose e dove le tenebre a volte si mascherano di luce.

A seguire, se vorrete, cena buffet con l’autore e infine, assecondando il gusto musicale di Alessandro, gli dedicheremo un coloratissimo PARTY ANNI ’80 a cui siete tutti invitati.

Faremo tutti insieme un salto indietro nel tempo attraverso la musica, le mode e i costumi del più colorato ed edonistico tra i decenni. UN REVIVAL DA NON PERDERE…

così come nessuno dei nostri affascinanti “Viaggi di Ulisse”!

Share

le proposte musicali di ithaca 20, 21 e 22 maggio

Tra gli stretti vicoli del Cuore storico di Frosinone si diffonderanno questi suoni

GIOVEDI’ 20 MAGGIO H. 22.00

Sacri cuori nasce da un’idea del patron del festival Strade Blu, Antonio Gramentieri: un vero e proprio supergruppo per registrare una manciata di intensi brani strumentali (ad eccezione di Shelter from the Storm, di Bob Dylan, cantata da Howe Gelb) originariamente nati come colonna sonora per un visualproject dell’artis…ta Heriz BhodiAnam e oggi finalmente riproposti autonomamente in formato album.
Il lavoro ha coinvolto grandi personaggi del rock americano e non solo: John Convertino, Jacob Valenzuela e NickLuca dei Calexico, Howe Gelb, Anders Pedersen e Thøger Lund dei Giant Sand, Bill Elm dei Friend of Dean Martinez, Marc Ribot, James Chance, John Parish (che ha anche mixato ibrani), oltre agli italiani Massimo Sbaragli, Christian Ravaglioli,Diego Sapignoli, Rico Farnedi, Denis Valentini, Mirko Monduzzi e Andrea Costa. L’album, “Douglas & Dawn”, uscirà ad aprile per la Interbang Records in vinile bianco 180gr in edizione limitata.

NON PERDETEVI QUESTO PIACEVOLISSIMO E SUGGESTIVO
EVENTO. NON SOLO PER PALATI RAFFINATI, MA ANCHE PER CHI VUOLE FARSI
CULLARE DA UNA SPLENDIDA SOUNDTRACK EMOZIONALE FATTA DI INFINITE
CONTAMINAZIONI…

VENERDI 21 MAGGIO 2010 H. 22.00

PRIMA DATA DEL TOUR DI PRESENTAZIONE DEL NUOVO CD DI SERGIO MARAZZI “THIS MAN”

Dopo dieci anni dalle 12 canzoni scritte per No man’s land (album dei BlueBonnets), Sergio Marazzi ritorna con un nuovo bellissimo ed intenso lavoro riprendendo i fili della sua passione musicale ed intrecciandola con un percorso di vita assai personale.

Un Grazie enorme a Sergio che ha deciso di aprire il tour di presentazione del suo disco proprio @ ithaca

L’apertura del concerto sarà affidata ai “the Oil”.

SABATO 22 MAGGIO 2010 H. 22.00

SERATA TRIBUTO A JEFF BUCKLEY con La chimica dello Zolfo: “La chimica dello Zolfo è un duo elettro-acustico (daniele parisi-voce/synth, matteo paoluzzi-chitarra) che ci proporrà Grace di Jeff Buckley.”

Evento imperdibile per tutti gli amanti dell’indimenticato Jeff…

Share

BENVENUTO NELLA PAGINA DELLA LIBRERIA

Questa è la pagina che ciascuna libreria può personalizzare inserendo articoli, notizie, foto o video. Le attività di promozione della lettura programmate dalla libreria (e contrassegnate dalla categoria EVENTI) andranno ad inserirsi automaticamente nel CALENDARIO EVENTI nella home page. Anche le fotografie inserite nella pagina della libreria saranno visibili nella home page, nello spazio PHOTO GALLERY.

Share